Isole Saroniche

Le isole Argosaroniche (talvolta anche chiamate semplicemente Saroniche) sono quell'arcipelago che si trova nel golfo Argolico e a sud della penisola dell'Argolide, ultima protuberanza del Peloponneso dal lato di Atene.

Dal punto di vista strettamente numerico, sono un altro "Eptaneso" (nel senso di sette isole, ma da non confondersi con quello ufficiale delle Ionie) perché le isole maggiori sono sette: Hydra, Spetses, Poros, Egina, Angistri, Salamina e Dokos.

Dal punto di vista regionale, fanno sempre parte dell'Attica, sebbene alcune siano più collegate alla storia (recente) del Peloponneso rispetto a quella di Atene.

In generale, le isole dell'arcipelago Argosaronico non sono note e battute come, per esempio, le Cicladi o il Dodecaneso.

Sicuramente il fatto che nessuna delle isole abbia un aeroporto proprio non aiuta l'afflusso di turisti, ma d'altra parte tutte le isole sono molto facilmente raggiungibili via mare.

Il turismo locale (di greci, per intenderci) è invece molto sviluppato perché vivendo ad Atene tipicamente non ci vorranno mai più di un paio d'ore per arrivare a ogni singola isola.

Questo significa che sono tutte delle ottime destinazioni per il weekend per gli ateniesi.

Le compagnie navali hanno sostanzialmente due linee che collegano le isole al Pireo (il porto di Atene):

  • Egina, Angistri su una linea
  • Poros, Hydra e Spetses sull'altra linea

A Salamina si arriva solo da Perama e a Dokos invece non si arriva proprio perché è disabitata 🙂

Solo perché sono isole meno battute rispetto ad altre più blasonate, ciò non significa che le spiagge delle isole argosaroniche siano meno belle, anzi.

Al di là delle spiagge, io ci aggiungo che è l'intero contesto naturale che fa la differenza rispetto agli altri arcipelaghi con più turismo internazionale.

Le isole saroniche sono infatti abbastanza verdi in generale ed hanno tutte acque cristalline che farebbero invidia alle Cicladi. Per davvero.

Certo, non ci sono le spiagge chilometriche che si trovano a Naxos, ma ciò non significa che siano da meno.

Ora ti racconto qualcosa in più di ogni isola.

Indice

Mappa delle Isole Saroniche

Le isole dell'arcipelago Saronico sono più raggruppate perché si trovano nello stesso braccio di mare che perché sono davvero vicine. Come vedi dalla mappa qui sotto, infatti, sia Hydra che Spetses per esempio, sono parecchio lontane da Atene.

Per darti un'idea, per arrivare a Hydra ti ci vorranno un paio d'ore, a scanso di quello che dicono le compagnie navali. A parte Egina e Poros, su tutte le altre praticamente non è possibile portare la propria macchina anche se comunque potrai affittare scooter, a parte Hydra dove si gira solo a piedi.

Ma ora veniamo alla lista delle isole.

Hydra, il porto da Profitis Ilias

Hydra

Hydra è forse l'isola più famosa dell'arcipelago delle saroniche, oltre ad aver giocato un ruolo fondamentale durante la rivoluzione del 1821.

Se non fosse stato per diversi armatori idrioti che hanno finanziato la rivoluzione greca, forse ci sarebbe voluto più tempo del previsto. O forse non si sarebbe mai vinto contro la flotta Ottomana.

Ad ogni modo, Hydra è un'isola molto affascinante con uno dei porti più belli dell'intera Grecia.

Il colpo d'occhio all'ingresso in nave o dalla statua di Andreas Miaoulis è davvero da cartolina (o da Instagram se preferisci).

Nonostante le dimensioni, Hydra è tutta attorno alla Chora ma ha diversi assi nella manica quando si parla di spiagge. Quasi tutte hanno acque che ricordano più quelle di una piscina e talvolta bisognerà arrivarci in barca per vederle.

Ah, a Hydra non esistono le auto.

Spetses

Spetses ricalca sostanzialmente la stessa storia di Hydra dal punto di vista storico, sebbene si sia evoluta su un percorso che l'ha portata ad essere ancora più altolocata di Hydra.

Ha due porti, uno più adatto alle navi di più grandi dimensioni (Dapia) e l'altro (quello più vecchio) che ospita i caicchi e tutte le navi più d'annata.

E' un'isola molto verde ed è percorsa da un anello di asfalto che fa il giro intero dell'isola per arrivare alle spiagge più desiderate, quelle del lato ovest dell'isola.

A Spetses si può andare in giro con mezzi a motore, ma mai con la propria auto 😬 Probabilmente costa un po' più di Hydra ma parliamo comunque di standard greci.

Spetses, porto vecchio

Poros

Poros è forse l'isola più vicina alla terraferma di tutte le argosaroniche (a solo 300m dal Peloponneso) ed è anche lei un'isola verdissima come Spetses.

E' anche la prima fermata delle navi che provengono dal Pireo, quindi è la più veloce da raggiungere in caso di gite in giornata.

Io non ti consiglio di fare gite in giornata in generale perché non avrai mai il tempo di conoscere l'anima vera dell'isola e sai che questa cosa ci sta molto a cuore qui a Grecia Vera.

Egina

A Egina tutti gli ateniesi hanno una seconda casa.

Scherzo, ovviamente.

Ma neanche poi tanto in realtà.

A soli quaranta minuti dal Pireo, Egina è una sorta di sobborgo di Atene, dove ci vive chi non può sopportare la caotica vita di Atene, ma allo stesso tempo non può fare a meno di allontanarsene.

E quindi fanno la scelta migliore: vivono su un'isola che ha quasi tutto e sono sempre a un tiro di schioppo dalla civiltà.

Egina è famosissima per i pistacchi che sono davvero ovunque sull'isola. Forse è l'unico luogo in Grecia dove si vedono meno ulivi rispetto ai qualunque altra pianta.

Ok eccezion fatta per le isole Ionie dove i cipressi e i pini vincono a mani basse. But you get the point.

A Egina c'è il tempio di Αφαία (che si legge Afèa), il santuario di Agios Nektarios e Moni, un isolotto con pavoni e daini.

Insomma, un sacco di ragioni per andarci.

Angistri

Anche Angistri (o Agistri che dir si voglia) è poco più di un isolotto, però ha popolazione per tutto l'anno e da Aquario quale sono capisco benissimo perché.

Hanno forse il mare più bello dell'intero arcipelago delle isole argosaroniche, sono a due passi dal Pireo (è la seconda fermata dopo Egina) e soprattutto c'è tanta calma.

Un paradiso a portata di mano insomma.

Io credo che ci siano due generi di persone a questo mondo: quelli che amano Angistri e quelli che mentono.

Angistri, Aponisos

Salamina

Salamina non ha assolutamente bisogno di contestualizzazioni storiche perché è stato il porto scelto da Temistocle per far finta di essere in difficoltà in modo che Dario abboccasse alla trappola e venisse a combattere nel suo stretto golfo.

Sappiamo tutti com'è andata a finire, chi dai libri di storia e chi invece dal sequel di 300, Rise of an Empire.

Anche Salamina è un altro quartiere di Atene dato che dista un paio di chilometri dalla terra ferma.

E' forse l'isola meno nota dal punto di vista turistico, il che la fa un ottimo punto di partenza per chi voglia esplorare ancora destinazioni veraci, come piacciono a me di Grecia Vera.

Si parte da Perama per arrivare a Salamina, non dal Pireo, mi raccomando.

Dokos

Last and least in questo caso, l'isola di Dokos che, come ti anticipavo prima, in realtà è quasi disabitata.

Non ti fidare dei censimenti di Wikipedia e simili: al momento c'è solo una persona che vive sull'isola ed è la mamma di un idriota.

Io personalmente adoro queste storie e spero di poterla approfondire in futuro, però fai conto che Dokos non è visitabile a meno di spendere quasi duecento euro sola andata per il taxi boat.

La vista di Dokos che preferisco personalmente è quella dal lato di Hydra perché è più maestosa, però un giorno spero di metterci piedi e vedere in prima persona com'è.

Ulteriori approfondimenti dal blog

Ho scritto anche alcuni post di approfondimento su temi legati alle isole argosaroniche, te li lascio tutti qua nel caso volessi andare più a fondo di questi temi culturali

Isole Saroniche

Hydra, Spetses, Egina, Angistri, Poros, Salamina

Grecia

Cartina della Grecia, Isole Greche, Isole Ionie, Isole Cicladi, Dodecanneso, Isole Saroniche, Nord est Egeo, Sporadi, Creta, Grecia Continentale, Peloponneso, Atene, Salonicco

I miei tour guidati di Atene

Ti porteremo alla scoperta di Atene e dei suoi quartieri per capire chi sono davvero i greci e la loro cultura.

Storie, retroscena e protagonisti che hanno fatto la storia della città, ma di cui nessuno ne sa molto.

Non ci annoieremo di sicuro!

SCOPRI I TOUR