I miei consigli per Hydra - Grecia Vera

I miei consigli per Hydra

Hydra è un'isola che può raccontare molto più dell'apparenza chic e trendy che vedrai scendere dagli yacht degli ultra milionari.

Hydra ha eccome una sua anima ed è per questo che ci tengo, come per ogni altra isola, a darti i miei consigli personali su come vivere davvero l'esperienza locale.

Perché questo è il vero motivo per cui ho iniziato con Grecia Vera.

Ecco le cose di cui ti darò suggerimenti consigliati dai locali e non mainstream.

Indice

Pronti alle chicche di Hydra che nessuno conosce? Cominciamo.

Suggerimenti quasi scontati

Forse ti parrà una cosa molto scontata ma non è necessariamente così per tutte le isole.

Una delle cose più importanti che ti consiglio è prenditi del tempo per goderti Hydra. Stare a guardare la marina con un caffè e un buon libro è assolutamente un ottimo modo per rallentare la vita ed essere pronti per vivere Hydra come un vero locale.

Ora che stai andando al ritmo giusto per godertela, comincio coi consigli pratici.

Quando andare a Hydra?

Sai bene che la mia risposta è indicativamente a fine maggio o inizio giugno, oppure a settembre.

Sulle isole, ma nella maggior parte della Grecia in generale, a luglio e agosto fa davvero un caldo duro, ma non è nemmeno quello il problema.

Il problema vero è che essendoci una marea di turisti, difficilmente riuscirai ad esperire dei momenti veri coi locali. In quella fase dell'anno, l'importante è massimizzare gli incassi, per cui raramente avranno del tempo ulteriore da dedicarti.

A maggio, invece, con la promessa della nuova stagione e ancora poca gente, c'è molto tempo per chiacchierare coi locali e godersi i ristoranti quasi da soli.

Molto similmente, a settembre, quando la stagione volge al termine e gli incassi annuali sono stati fatti, c'è molta più predisposizione a dedicare del tempo per stringere dei rapporti.

Ciò detto, dipende anche molto da quanto tempo avrai a disposizione. La cosa bella è che Hydra può essere visitata in un paio di giorni (se hai solo un weekend per esempio), oppure può essere usata come base per spostarsi nelle altre isole argosaroniche, che peraltro sono più o meno tutte fatte per essere vissute a piedi.

Ok, togli Egina che è un'isola immensa e ti servirà una macchina, però le varie Poros, Spetses, Angistri (sebbene difficilina da raggiungere direttamente da Hydra), sono tutte ottime da godere a piedi e semplici da raggiungere dato che sarai in questa parte di Egeo.

Una cosa che ti suggerisco particolarmente è di vivere la Pasqua a Hydra perché c'è una celebrazione molto particolare per la quale l'epitaffio è portato in una processione che finisce nelle acque del porto di Hydra.

In fin dei conti Hydra è sempre stata un'isola di ammiragli e naviganti, quindi non stupisce che il mare sia parte della celebrazione.

Se capiti in primavera e ami correre, a Hydra da diversi anni ormai si tiene la Hydra Trail Run, un evento con tre diverse distanze (5km, 18km e 24km) che si snodano lungo tutta l'isola. Di questo evento e di molti altri eventi di trail running te ne parlo nella pagina dedicata.

Il porto di Hydra al tramonto

Quanto stare a Hydra?

Ovviamente questa è una non-domanda perché dipende dal tempo che le potrai dedicare.

Diciamo che se io fossi te e non fossi mai stato a Hydra, almeno cinque giorni glieli dedicherei.

Probabilmente non li riempirai, ma è proprio questo il punto.

Pianificati delle pause per fermarti a guardare il mare, il paesaggio e il porto; è un balsamo per l'anima, credimi.

Se poi non sei un amante delle camminate, allora forse due o tre giorni ti basteranno per vederti l'isola. Il che sarebbe un vero peccato perché ci sono davvero delle ottime camminate a Hydra e ti portano nei posti che solo i locali conoscono.

Ora procediamo con cosa fare.

Attività consigliate per Hydra

Io credo fermamente che sia necessario conoscere la storia del luogo per capire il perché di determinati insediamenti, costruzioni, abitudini e modi di fare.

Ecco perché la prima cosa che ti consiglio è di fare uno dei tour storici con Maria Voulgari (qui trovi il suo sito). Oltre ad essere un'Idriota doc, Maria è laureata in Storia ed è davvero preparatissima.

Ha diversi tour nel suo portfolio ma io ti consiglio caldamente di fare o quello breve per un'infarinatura generale appena arrivati sull'isola, oppure quello lungo, dove Maria ti guiderà attraverso diversi musei in modo da addentrarsi ancora meglio nella storia dell'isola.

Se sei in vena di passeggiate, invece puoi provare a sentire Stelios Bakratsas, un corridore locale che conosce ogni singolo sentiero like the back of his palm.

Già che siamo in tema di passeggiate, queste sono quelle che ti consiglio caldamente perché vedrai sicuramente qualcosa di unico.

  • Monte Eros, ovvero la cima più alta di Hydra, coi suoi quasi 600 metri circa. La camminata è ragionevolmente adatta a ogni persona. No ciabatte, please.
  • Profitis Ilias, che è un po' la star dell'isola. La camminata per arrivare al monastero è praticamente tutta lastricata. Ovviamente si sale, quindi prenditela con calma ed evita le ore più calde della giornata, però sappi che la maggior parte del trekking sarà all'ombra degli alberi. Al monastero troverai anche un gift shop in cui farai tutto tu, anche pagare il giusto: troverai addirittura delle cose che arrivano direttamente dal Monte Athos!
  • L'anello che parte da Chora, passa per Mandraki, sale fino ad Agia Triada e poi riscende a Hydra città è davvero un gran bel vedere. Se sei fortunato, magari troverai anche i monasteri aperti, io purtroppo non lo sono stato, ma ne è valsa comunque la pena.
  • Episkopi, ovvero l'unico altro villaggio di Hydra. Ok, chiamarlo villaggio presuppone che qualcuno ci viva, il che non è del tutto vero, però secondo me si merita lo stesso una passeggiata per vedere paesaggi che altrimenti non vedresti mai. Si passa dalla strada che va verso Palamidas (un gioiello di spiaggia peraltro) e che poi sale verso Episkopi. Anche qui, la maggior parte della salita sarà all'ombra, il che non guasta mai. Portati acqua perché non c'è nulla dopo Plakes.
  • Tour dell'isola in barca in giornata. Giorgos e Iola ti porteranno alla scoperta di spiagge che altrimenti non sono raggiungibili, come Limnioza, Bisti e altre ancora. L'uscita in barca dura tutto il giorno, parte ovviamente dal porto e secondo me si merita assolutamente il tuo tempo.
  • Se il tempo è nuvoloso (cosa rarissima ma che a me è capitata), perditi tra le viuzze meno battute sul lato sud della Chora. Comincia a salire e poi gira dove capita, troverai molti angoli che la maggior parte non ha tempo di vedere e si valgono davvero una visita.
  • Last but not least, a Hydra c'è forse la panchina più romantica di tutto l'Egeo. E' quella che trovi poco più avanti di Tecné (se arrivi dalla Chora). C'è un albero che la copre quindi c'è ombra più o meno sempre, ma la vera chicca è venirci qua la sera. Niente luci, solo le stelle e la luna, la risacca del mare, le luci del Peloponneso in lontananza, insomma, forse la cosa che preferisco di più di Hydra.

Il porto di Hydra dall'alto

Cosa non consiglio di fare a Hydra

Ora passiamo alle note dolenti, ovvero alle cose che devi evitare come la peste. Te lo dico, ovviamente per esperienza personale, ma soprattutto perché l'ethos di Grecia Vera è quello di scoprire la vera esperienza locale.

  • Evita le gite sui muli: i locali li usano solo come trasporto, non perché sono pigri per andare in giro. Ergo, salirci sopra e farsi trasportare come un pashà non fa assolutamente parte della vita dei locali di Hydra. Fatti aiutare con le valige nel caso in cui tu stia in alto o distante dal porto, quello si ovviamente. Fa parte del gioco.
  • Gite sulle isole vicine: ok questo non è proprio un cartellino rosso, però è giallo. Soprattutto se stai poco a Hydra, allora dedicale tempo e goditela. Se stai due giorni e un giorno lo vuoi trascorrere a Spetses o Poros, non te la godrai mai veramente. Se hai intenzione di stare oltre i cinque giorni, allora si, ci sta fare un salto ad un'altra isola. In quel caso però, ti consiglio di prenderti il tempo per goderti anche quell'isola
  • Evita i musei. Ecco l'ho detto. Di solito mancano informazioni e il contesto storico e non sono proprio economicissimi per la dimensione, il che ti fa girare le scatole. E' molto meglio andare con Maria (che ti consigliavo già prima) perché lei ti include tutto quello che ti serve sapere per capirci qualcosa degli oggetti che vedrai. Inoltre, nel suo tour dedicato, i biglietti dei musei sono sempre inclusi. Non pensarci due volte, ho già fatto io quell'errore 🙂

Dove mangiare a Hydra

Qui la faccio molto corta perché ho scritto una pagina intera dedicata al dove mangiare e dove non mangiare a Hydra.

Leggila con calma, ovviamente tutto testato sul mio stomaco.

Hotel dove dormire a Hydra

Qui ti voglio consigliare alcuni hotel che sono il miglior bang for the buck come si direbbe in inglese. Io amo viaggiare leggero e non mi disturbano gli hotel/airbnb un po' spartani.

Hydra costa tanto, molto più che il resto della Grecia tipicamente, quindi non è nemmeno troppo semplice trovare degli alberghi economici.

Quelli dove sono stato e che ti consiglio sono

  • Amaryllis
  • Areti
  • Erofili

Tutti sono nella zona calda di Hydra, ovvero nelle viuzze dove ti ho consigliato la maggior parte dei ristoranti e luoghi per farsi un drink.

Ci tengo sempre a sottolineare che non prendo alcuna commissione da questi hotel: ci sono stato (pagando ovviamente) e li promuovo come suggerimenti. A te cercare il prezzo migliore su Booking oppure contattandoli direttamente.

Se per caso sei in cerca di location più romantiche o ricercate, allora ti suggerisco di cominciare la ricerca su Airbnb oppure guardare direttamente su Google. Ci vorrà del tempo ma tutti gli alberghi sono segnalati e dato che l'isola è così piccola, puoi permetterti di guardarli tutti praticamente.

Come arrivare a Hydra?

Qui direi che nel 95% dei casi io ti consiglio di arrivare dal Pireo, è la cosa più semplice in termini di rapporto efficienza/prezzo. Prenota il Flying Dolphin (o Cat) che impiega un'ora e davvero non fai in tempo a sederti che sei praticamente arrivato.

Le altre opzioni navali di cui parlo nella pagina dedicata a come arrivare a Hydra hanno senso solo se sei già su quelle isole.

Nel caso remoto in cui tu sia in giro per il Peloponneso e voglia fare una gitarella a Hydra, allora ti consiglio di passare tramite Ermioni. C'è l'opzione di Metochi ma c'è più strada da fare e soprattutto se i locali non lo fanno, un motivo ci sarà pure.

 Hydra

⛴️ Come arrivare a Hydra
🐾 Come muoversi a Hydra
😋 Dove mangiare a Hydra
👀 I miei consigli per Hydra
🛏️ Dove dormire a Hydra
🏖️ Le spiagge di Hydra

Isole Saroniche

Spetses, Poros, Egina, Salamina, Angistri, Hydra

Grecia

Cartina della Grecia, Isole Greche, Isole Ionie, Isole Cicladi, DodecannesoIsole Saroniche, Nord est Egeo, Sporadi, Creta, Grecia Continentale, Peloponneso, Atene, Salonicco

Torna al blog

Lascia un commento

Si prega di notare che, prima di essere pubblicati, i commenti devono essere approvati.