I miei consigli per Amorgos - Grecia Vera

I miei consigli per Amorgos

C'è molto da fare nel Grande Blu

Amorgos è una delle mie isole greche preferite. Forse mi spingo anche a dire che è la mia preferita, anche se sceglierne una è molto difficile.

Ne conosco quasi tutte le pietre e per questo ho raccolto in questa pagina tutti i miei suggerimenti per le attività che ti consentiranno di conoscerla in maniera autentica.

Ovviamente, se hai domande, lasciami un commento, mi fa assolutamente piacere darti un consiglio puntuale se hai già qualche idea.

Abbiamo molto da parlare quindi cominciamo subito.

Indice

Suggerimenti quasi scontati per Amorgos

Come sempre per i miei suggerimenti, cominciamo da quelli più ovvi, che però ha sempre senso ricordare per evitare situazioni spiacevoli.

  • Ti serve una macchina. Lascia perdere qualunque altra idea, compreso il quad, caso mai ti fosse venuto in mente. Oltre a farti apparire palesemente come un turista, troverai molto lungo per strada perché spesso ad Amorgos c'è vento. E non è bello andare in giro senza un parabrezza in quei casi. Senza contare che le distanze ad Amorgos sono importanti, quindi non ci pensare nemmeno.
  • Ad Amorgos spesso c'è vento. Piaccia o no, Amorgos non è "protetta" da alcuna altra isola e si becca tutto il Meltemi che arriva direttamente dallo stretto dei dardanelli. Cosa vuol dire? In primo luogo significa che in barca potresti trovare mare agitato, quindi preparati con le pastiglie per non patire la nave (se sei come me). In secondo luogo, scegli cosa fare in maniera sapiente perché potrebbe essere che non riesci a stare in spiaggia in quei giorni.

Io a dire il vero vedo quei giorni di vento come un'occasione per esplorare ancora meglio l'isola invece che sdraiarmi in spiaggia (cosa peraltro assolutamente lecita durante una vacanza 😅). Però anche il vento è Amorgos, che piaccia o no. Se sei sensibile al meteo, il miglior consiglio che ti posso dare è di non andarci. In questa pagina comunque tutti i consigli che ti do sono per cosa puoi fare proprio in quei giorni. Il lato positivo è che scoprirai l'Amorgos autentica, fidati.

tramonto ad Aegiali

Quando andare ad Amorgos?

Qui siamo più o meno in linea con il solito consiglio riguardo all'andare o in primavera (specialmente per Pasqua, ortodossa ovviamente) oppure a settembre.

Amorgos rifulge di turismo riflesso di Santorini (data la vicinanza), il che significa che quei turisti che si aspettano di trovare una cosa simile all'isola del vulcano, più o meno finiscono ad agosto. Quindi già a settembre troverai un turismo più di qualità e ragionevolmente contenuto. Leggi ottimo periodo per conoscere l'Amorgos più autentica.

Altro periodo per cui vale la pena andare ad Amorgos è per la celebrazione della Panaghia Chozoviotissa, ovvero il 21 novembre. Si, lo so che non è esattamente periodo di vacanza, ma io ti sto svelando qual è la Grecia Vera qui.

Altra cosa che vale la pena fare in questo periodo dell'anno è raccogliere le olive tradizionali di Amorgos (che sono più piccole e strette del solito).

Quanto stare ad Amorgos?

Fosse per me, ti direi di starci da Aprile a Ottobre 😆

Scherzo ovviamente, ma comunque se puoi lavorare da remoto, un pensierino fallo perché meriterebbe eccome.

Parlando di periodi più umani, direi che Amorgos merita almeno 5 giorni: Amorgos va vissuta a piedi godendosi le sue asperità e tutte le sfumature di blu che si vedono in giro per l'isola.

E' un'isola che ti invita alla calma dandoti dei giorni di vento forte. E' un monito per rallentare. E non puoi andare contro natura, non qui ad Amorgos, che è per certi versi agli antipodi di isole come Santorini e Mykonos, pur essendo a due passi.

Quindi, mi raccomando, prenditela comoda e goditela con calma.

Cosa ti consiglio di fare ad Amorgos

Assaggia lo Psimeni Raki

Questo punto lo aggiungo più per scrupolo che per altro. Amorgos è sinonimo con lo Psimeni Raki, ovvero questa grappa (il rakì) insaporita con delle erbe cotte che si trovano solo sull'isola.

Se vai al Monastero della Chozoviotissa, ti offriranno sempre un bicchierino di acqua, dei loukoumi (quelle gelatine dolci con sopra lo zucchero a velo) e un bicchiere di Psimeni Raki. Si dice che la ricetta sia segreta e furono proprio i monaci della Chozoviotissa a tirare fuori la pozione magica, oltre ad essere gli unici a poterlo distillare per diversi secoli.

Ora è prodotto anche a livello "industriale" ma assaggiare lo psimeni rakì del monastero è un must. Copriti sia le spalle che le gambe perché al monastero non transigono su questa cosa.

Visita la distilleria Amorgion

Parlando sempre di alcolici, io ti consiglio di andare a fare una visita alla cantina Amorgion (appena fuori Katapola) dove potrai vedere come distillano liquori tra cui anche lo psimeni rakì.

Potrai assaggiare e acquistare anche diversi vini fatti con le uve locali (o delle Cicladi), oltre a una chicca: il φραγκοσυκόμελο (leggi fragosicòmelo). E' un liquore fatto con i fichi d'india che ovviamente abbondano sull'isola: è buonissimo, assaggialo almeno.

Dormire a Tholaria o Lagada

So che entrambi sono assolutamente fuori mano e ti renderanno la vita difficile per quando vorrai andare a Kato Meria, però se vuoi vivere la vera esperienza locale ad Amorgos, devi dormire a Tholaria o a Lagada.

Tholaria è la mia preferita ma anche Lagada è un punto di ritrovo dei locali, soprattutto dei più giovani. Se vai in bassa stagione, qui ti sentirai uno di loro. E sarai testimone della vita di ogni giorno degli amorgiani. Cosa si può volere di più?

La Palia Strata e il Monastero

La Palia Strata (che senza troppa immaginazione capisci da te che significa vecchia strada) è una delle istituzioni di Amorgos. Si perché, la strada asfaltata che unisce la Chora ad Aegiali risale a poco più di 40 anni fa. Prima si andava solo a piedi nella parte nord dell'isola. Anche in barca a dire il vero, ed è per questo che Aegiali è ancora un porto dove sbarcano tante navi.

Ad ogni modo, questo sentiero è la dorsale di Amorgos ed è una bellezza da percorrere, nonostante siano circa 12km. In maniera controintuitiva, io ti consiglio di partire da Aegiali per poter apprezzare prima tutta la natura incontaminata di Amorgos, e poi arrivare a riposarti e berti un bicchierino di psimeni raki alla Panagia Chozoviotissa. Da lì poi risali tramite un sentiero alla Chora, dove potrai prendere un autobus oppure farti venire a prendere in auto.

Se c'è una cosa che ti consiglio di fare ad Amorgos è proprio questa. Non farti scappare l'occasione.

Panaghia Chozoviotissa

Percorsi a piedi

Ad Amorgos amano camminare ed è per questo che tutti i sentieri sono mantenuti a dir poco divinamente: sono puliti, ben tracciati e marcati, insomma è un piacere camminarli. Molto fa anche il fatto che ogni anno su questi sentieri i locali organizzino l'Amorgos Trail Challenge, che se ti piace correre ti consiglio caldamente.

Pur essendo tutti molto carini, ce ne sono alcuni che spiccano sugli altri. Oltre alla Palia Strata di cui ti ho parlato poc'anzi, io ti consiglio di fare questi.

Profitis Ilias

Questo è uno dei pochi sentieri che non trovi sul link al sito che ti ho dato poco sopra. Prendendo una deviazione poco dopo la Chora (andando verso Aegiali), ascenderai fino ad uno dei punti più alti dell'isola, che curiosamente si trova a un centinaio di metri sopra alla Chozoviotissa. Vista esagerata da qua.

Stavros

Se Profitis Ilias è uno dei punti più alti, la chiesa di Stavros è il punto più alto di Amorgos in assoluto. Questo sentiero è abbastanza complesso, quindi ti consiglierei di andarci solo se sei allenato ed un po' esperto. Evitalo assolutamente quando tira vento forte perché passerai in diversi posti scoscesi esposti totalmente a nord, ovvero da dove arriva il vento. Mi raccomando, occhio qui.

Se ti interessa saperlo, questo era il sentiero che gli Amorgiani prendevano ogni giorno per andare a lavorare alla cava di bauxite che si trova qualche centinaio di metri al di sotto della chiesa di Stavros. Ogni giorno andavano e tornavano, oltre a lavorarci.

La chiesa di Stavros dall'alto

Anello Aegiali - Tholaria - Lagada

Se stai ad Ormos Aegiali, un anello molto bello è quello che la collega con Tholaria e Lagada. Semplice e ragionevolmente corto ma ti consente di esplorare entrambi i paesi.

Eventualmente, come spin off, potresti pensare di andare a Mikri Vlychada. E' un po' più dura del resto dell'anello, ma fattibile in un paio d'ore andata e ritorno.

Agios Georgios Valsamitis

Partendo da Katapola invece, ti consiglio assolutamente di andare a piedi a Valsamitis, questo piccolo convento dove troverai una suora che vive tutto l'anno lì. E' molto carina e ti offrirà qualcosa probabilmente. Attenzione solo agli orari d'apertura perché resta aperto poche ore al giorno al pubblico.

Panagia i Kastrianì

Uno dei più bei percorsi di Kato Meria è quello che ti porta a questa chiesetta con vista prepotente su tutta Amorgos e soprattutto sulle Piccole Cicladi che la circondano.

Foodie tour

Se vuoi approfondire come veniva fatto l'olio fino a non troppo fa, come viene fatto il miele e altre specialità locali, ti straconsiglio di fare il Foodie Tour con Semeli. Quattro ore ben spese e assaggerai anche delle bontà totalmente locali.

Ah, dille che ti mando io così ti tratta ancora meglio 😉

Il frantoio di Lagada

Dove mangiare ad Amorgos

Se ti interessano le indicazioni precise sulle taverne che ti consiglio per mangiare come (e con) i locali, guarda la pagina che ho scritto con tutti i miei consigli. La maggior parte sono consigliati dai locali e sono tutti garantiti dal mio stomaco perché li ho provati tutti.

Tu invece hai qualche ulteriore suggerimento su cosa fare ad Amorgos per la community? Lasciami un commento e lo aggiungerò al post!

 Amorgos

⛴️ Come arrivare ad Amorgos
🐾 Come muoversi ad Amorgos
😋 Dove mangiare ad Amorgos
👀 I miei consigli per Amorgos
🛏️ Dove dormire ad Amorgos
🏖️ Le spiagge di Amorgos

Isole Cicladi

Andros, Tinos, Mykonos, Paros, Naxos, Donoussa, Koufonissi, Schinoussa, Amorgos, Iraklia, Anafi, Santorini, Thirasia, Ios, Sikinos, Folegandros, Antiparos, Milos, Kimolos, Sifnos, Serifos, Kythnos, Kea, Syros

Grecia

Cartina della Grecia, Isole Greche, Isole Ionie, Isole Cicladi, Dodecanneso, Nord est Egeo, Sporadi, Creta, Grecia Continentale, Peloponneso, Atene, Salonicco

Torna al blog

1 commento

Ciao!
Non citate le spiagge, ho dato un’occhiata su google maps e non sembrano il fiore all’occhiello dell’isola, spesso e volentieri di ciottoli.
Secondo voi sarebbe una buona idea abbinare Amorgos per la cultura e i paesaggi mozzafiato e Koufonissi per le spiagge?
Inizialemente eravamo focalizzati sulle piccole cicladi, con l’idea di fare una specie di tour in 10 giorni, però per diversificare pensavamo Amorgos, anche se devo convincere la mia compagna :D

Federico

Lascia un commento

Si prega di notare che, prima di essere pubblicati, i commenti devono essere approvati.