Il sistema scolastico greco - Grecia Vera

Il sistema scolastico greco

In Grecia l’anno scolastico comincia indicativamente il lunedì della seconda settimana di settembre.

Ma il primo giorno in realtà non si comincia per davvero, è poco più di una proforma.

La scuola inizia dal secondo giorno, e questo lo sanno tutti i ragazzi.

“Ma sul serio?” ti starai chiedendo 🤔

Si si, per davvero il primo giorno non c’è scuola praticamente.

Al di là di questo, il sistema scolastico greco ricalca essenzialmente quello italiano, con delle differenze fondamentali che analizzeremo insieme in questo excursus.

Ma cominciamo dall’inizio, ovvero quel fantomatico primo giorno che poi in realtà primo giorno non è 😄

Indice

Quando cominciano le scuole in Grecia?

In Grecia, l'inizio dell'anno scolastico è un evento che segna la fine dell'estate e l'inizio di un nuovo capitolo per studenti, genitori e insegnanti.

Generalmente, le scuole in Grecia riaprono i battenti all'inizio di settembre, solitamente intorno al 10 o al 11 del mese, ma sempre in un lunedì ovviamente. Tuttavia, la data esatta può variare leggermente da un anno all'altro e da una regione all'altra, in base a specifiche circostanze o festività religiose.

Per esempio, nel 2023, a causa delle inondazioni che hanno colpito la Tessaglia, la scuola è cominciata una settimana dopo nelle zone colpite dall’alluvione.

L'inizio dell'anno scolastico è un momento carico di aspettative e di emozioni contrastanti.

Da un lato, c'è l'eccitazione di iniziare un nuovo anno, di incontrare nuovi compagni di classe o di ritrovare vecchi amici. Dall'altro, c'è anche una certa apprensione per le sfide accademiche che attendono gli studenti nei mesi a venire, soprattutto per l’ultimo anno di liceo.

Ma non mettiamo il carro davanti ai buoi.

In alcune regioni della Grecia, specialmente nelle isole, l'inizio dell'anno scolastico può essere influenzato da fattori come le condizioni meteorologiche o la disponibilità dei trasporti marittimi, che possono causare ritardi o cambiamenti di programma. Ad esempio, nelle isole minori, dove i mezzi di trasporto sono meno frequenti, potrebbe essere necessario attendere qualche giorno in più prima che le lezioni abbiano inizio.

Anche se oggettivamente queste cose accadono davvero di rado.

Ora basta con le introduzioni generiche e cerchiamo di capire assieme perché i ragazzi greci il primo giorno in realtà non lo trascorrono a scuola.

O meglio ci vanno per una mezz’oretta e poi è già finita 😅

Il primo giorno: l’Αgiasmos (αγιασμός)

Il motivo di tutto è che non c’è inizio di anno scolastico senza la benedizione della chiesa.

L'Agiasmos infatti è una cerimonia religiosa ortodossa che segna l'inizio dell'anno scolastico in Grecia.

Questa tradizione è profondamente radicata nella cultura greca e rappresenta un momento di benedizione e purificazione per gli studenti, i docenti e le strutture scolastiche.

La cerimonia si svolge generalmente il primo giorno di scuola e coinvolge la presenza di un sacerdote ortodosso che benedice l'acqua in una grande ciotola. Successivamente, il sacerdote utilizza un ramo di basilico per aspergere l'acqua benedetta sui presenti e sugli ambienti della scuola.

Quindi classe per classe, il pope di turno visita la scuola del quartiere e benedice tutte le classi.

E poi si va a casa 😅

l'edificio scolastico di Sikinos

Durante l'Agiasmos, è comune che gli studenti portino con sé delle icone religiose o altri oggetti sacri per ricevere la benedizione.

La cerimonia è un momento di riflessione e preghiera, dove si invoca protezione e successo per l'anno accademico a venire. È anche un'occasione per rafforzare il senso di comunità tra studenti, insegnanti e genitori.

O almeno sulla carta, perché poi i ragazzi sanno benissimo che è solo una proforma per godersi l’ultimo giorno di vacanza.

L'Agiasmos non è solo una pratica scolastica, ma è una cerimonia che si ritrova in vari contesti della vita quotidiana in Grecia, come nelle case, negli uffici e nelle chiese. Tuttavia, la sua presenza nelle scuole è particolarmente significativa, poiché simboleggia l'importanza dell'educazione nella formazione spirituale e morale degli individui.

La cerimonia è tanto più rilevante in un paese come la Grecia, dove la religione ortodossa è strettamente intrecciata con l'identità nazionale e culturale, cosa che approfondiamo nel mio tour del centro storico di Atene peraltro.

L'Agiasmos è quindi non solo un rito religioso, ma anche un elemento fondamentale del tessuto sociale e culturale greco.

Come funziona il sistema scolastico in Grecia?

Il sistema scolastico greco è strutturato in tre livelli principali:

  • primario (elementari + medie)
  • secondario (superiori)
  • terziario (università)

L'istruzione è obbligatoria per i bambini dai 6 ai 15 anni e si svolge principalmente in scuole pubbliche, anche se esistono opzioni private.

L'istruzione primaria dura sei anni, seguita da tre anni di scuola media e tre anni di scuola superiore. L'accesso all'istruzione terziaria, che include università e istituti tecnologici, è regolato da esami di ammissione, chiamati Panellenici (o Panellinie).

Ma questa è solo una panoramica: ora esploreremo ogni livello in dettaglio.

Educazione prescolastica: il Nipiagogeio

Il Νηπειαγωγείο, o Nipiagogeio in greco, è l'istituzione educativa pre-scolastica in Grecia, equivalente all'asilo nido e alla scuola materna in Italia. Questa fase educativa è destinata ai bambini di età compresa tra i 4 e i 6 anni e rappresenta un passaggio fondamentale per la loro crescita personale e lo sviluppo delle competenze sociali e cognitive.

In Grecia, il Nipiagogeio è generalmente suddiviso in due categorie: pubblico e privato.

Le scuole pubbliche sono finanziate dallo Stato e sono gratuite per tutti i cittadini, mentre le scuole private richiedono una tassa di iscrizione.

Entrambe le tipologie seguono un curriculum standardizzato che pone l'accento sull'apprendimento attraverso il gioco, l'esplorazione e l'interazione con gli altri bambini.

Il curriculum è progettato per essere flessibile e adattabile alle esigenze individuali di ogni bambino. Include attività come il disegno, la pittura, la musica, e l'apprendimento di concetti matematici e linguistici di base.

L'obiettivo è fornire un ambiente stimolante che favorisca la creatività e l'indipendenza, preparando così i bambini per le sfide della scuola elementare.

Un aspetto distintivo del Nipiagogeio in Grecia è l'importanza data alla cultura e alla tradizione greca.

Spesso, le attività includono l'apprendimento di canzoni e poesie tradizionali, nonché la celebrazione di festività e eventi culturali.

Questo non solo arricchisce l'esperienza educativa, ma contribuisce anche a instillare un senso di identità e appartenenza nei più piccoli.

l'Accademia di Atene

Scuola elementare: il Dimotikò

Il Δημοτικό (Dimotiko) è la scuola elementare nel sistema educativo greco e accoglie bambini dai 6 ai 12 anni.

Questa è la fase in cui inizia l'istruzione vera e propria e dove gli studenti acquisiscono le competenze fondamentali in materie come matematica, lingua greca, storia e scienze.

Una delle peculiarità del Dimotiko è la sua enfasi sull'educazione civica e sulla formazione del carattere.

Il curriculum è piuttosto vasto e include anche l'educazione fisica e le arti.

In alcune scuole, particolare attenzione è data anche all'apprendimento di una seconda lingua, solitamente l'inglese (diciamo soprattutto le scuole private, ma non solo).

Le valutazioni sono effettuate attraverso esami scritti e orali, nonché attraverso la valutazione continua delle prestazioni dello studente in classe.

Come nel caso del Nipiagogeio, anche le scuole Dimotiko possono essere pubbliche o private.

Le istituzioni pubbliche sono finanziate dallo Stato e sono gratuite, mentre le scuole private richiedono una tassa di iscrizione. Tuttavia, entrambe seguono lo stesso curriculum standardizzato, garantendo così un livello di istruzione uniforme attraverso il paese.

Scuole medie: il Gymnasio

Il γυμνάσιο è una fase cruciale nell'educazione greca, servendo come ponte tra la scuola elementare e l'istruzione secondaria superiore.

Questo periodo di tre anni, generalmente dai 12 ai 15 anni, è tanto un rito di passaggio quanto un'esperienza educativa.

Nel ginnasio, gli studenti iniziano a sviluppare un senso più profondo di identità e responsabilità.

La struttura del curriculum è più rigorosa rispetto alla scuola elementare e introduce una gamma più ampia di materie, tra cui matematica avanzata, scienze, lingue straniere e studi sociali.

L'approccio pedagogico è più formale e “accademico”, con un'enfasi su lezioni frontali e valutazioni standardizzate.

Tuttavia, non mancano opportunità per l'apprendimento pratico e l'interazione sociale, che sono fondamentali per lo sviluppo complessivo degli studenti.

Un aspetto distintivo del γυμνάσιο greco è l'importanza data alla cultura e alla storia greca. Gli studenti sono immersi in un ambiente che celebra il patrimonio culturale della Grecia, dalla letteratura ai miti, passando per la filosofia e le arti.

Scuole superiori: Lykeio o EPAL

Il λύκειο e l'ΕΠΑΛ (Επαγγελματικό Λύκειο, o Liceo Professionale) rappresentano le due principali opzioni per l'istruzione secondaria superiore in Grecia.

Entrambe le istituzioni accolgono studenti di età compresa tra i 15 e i 18 anni e offrono un curriculum che prepara gli studenti sia per l'istruzione terziaria sia per il mondo del lavoro.

Il λύκειο è più accademico e offre un curriculum rigoroso che include materie come matematica avanzata, scienze, lingue e filosofia.

Gli studenti che completano il λύκειο sono generalmente diretti verso l'istruzione universitaria e devono superare esami di ammissione per accedere alle università greche (la Panellinie di cui ti anticipavo sopra).

D'altra parte, l'ΕΠΑΛ (EPAL) è più orientato verso l'istruzione professionale e tecnica.

Offre corsi in vari campi come meccanica, informatica, e sanità. Gli studenti che completano l'ΕΠΑΛ hanno la possibilità di entrare direttamente nel mercato del lavoro o di proseguire gli studi in istituti tecnologici.

Non è impossibile accedere all’università avendo seguito l’EPAL, però non è impresa esattamente semplice per via degli esami che bisognerà sostenere con materie molto generaliste.

Entrambe le istituzioni pongono un forte accento sull'educazione civica e sulla formazione del carattere, in linea con la filosofia educativa greca che mira a produrre cittadini ben arrotondati e responsabili.

L'ingresso di fronte all'Accademia di Atene

Università

Il sistema universitario greco è un amalgama di tradizione e modernità, fortemente radicato nella storia accademica del paese e al contempo aperto alle innovazioni globali.

Le università in Grecia sono suddivise in due categorie principali: le Università (Panepistimio) e le Scuole Tecniche Superiori (T.E.I.). Entrambe offrono corsi di laurea triennali, master e dottorati, ma le Università tendono ad avere un focus più accademico, mentre i T.E.I. sono più orientati verso l'applicazione pratica.

Peraltro tutte le università pubbliche in Grecia sono totalmente gratuite.

Per questo sono così ambite ovviamente.

E sempre per lo stesso motivo, il loro accesso è regolato dagli esami panellenici, un sistema di esami nazionali che determina l'ammissione alle diverse facoltà e corsi di studio.

La competizione è feroce, e gli studenti spesso passano anni in preparazione per questi esami.

Se ti interessa capire come funzionano gli esami panellenici in Grecia, ti consiglio di leggere il mio dettagliato post a riguardo. Puoi trovarlo qui.

Un aspetto distintivo del sistema universitario greco è la sua gratuità, come ti anticipavo poco sopra.

Le tasse universitarie sono generalmente coperte dallo Stato, il che rende l'istruzione superiore accessibile a un ampio strato della popolazione. Tuttavia, questo non copre necessariamente i costi dei materiali di studio o delle spese di vita, che possono essere significativi, specialmente nelle grandi città come Atene e Salonicco.

La ricerca accademica è un altro pilastro del sistema universitario greco.

Le istituzioni accademiche del paese sono coinvolte in una varietà di progetti di ricerca, spesso in collaborazione con altre università europee o internazionali. Questo impegno per la ricerca contribuisce non solo al progresso scientifico ma anche al prestigio e alla reputazione delle università greche a livello globale.

Giusto per gusto del puntiglio, eccoti anche alcune delle università più importanti del paese (non necessariamente in ordine di importanza):

  1. Università Nazionale e Kapodistriaca di Atene (NKUA): Fondata nel 1837, è la più antica università della Grecia moderna e offre una vasta gamma di corsi in quasi tutte le discipline accademiche.
  2. Università Aristotele di Salonicco: È la più grande università della Grecia e una delle più grandi in Europa. Fondata nel 1925, è rinomata per la sua ricerca e per la qualità dell'insegnamento.
  3. Università Politecnica Nazionale di Atene (NTUA): È una delle principali istituzioni tecniche del paese, con una forte enfasi su ingegneria e architettura.
  4. Università di Creta: Situata a Rethymno e Heraklion, è conosciuta per i suoi programmi di ricerca in scienze naturali e ingegneria.
  5. Università di Patrasso: È la terza più grande università della Grecia e offre una vasta gamma di corsi, da ingegneria a scienze sociali.
  6. Università di Ioannina: Situata nella regione dell'Epiro, è conosciuta per i suoi programmi di ricerca in medicina, scienze e umanità.
  7. Università del Peloponneso: Questa è una delle università più giovani, ma è rapidamente cresciuta in termini di reputazione, specialmente nelle scienze sociali e umanistiche.
  8. Università di Salonicco: Non va confusa con l'Università Aristotele, questa istituzione è più focalizzata sulle arti e le scienze umanistiche.
  9. Università di Macedonia: Anche questa è situata a Salonicco e si concentra principalmente su economia, scienze politiche e relazioni internazionali.
  10. Università di Atene per Economia e Business (AUEB): È una delle principali università di business del paese, con una forte enfasi su ricerca e sviluppo.
Torna al blog

Lascia un commento

Si prega di notare che, prima di essere pubblicati, i commenti devono essere approvati.